Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Il culatello di ZibelloIl culatello di Zibello

Ti trovi in: Home page > Il territorio > Polesine Parmense

Polesine Parmense

Polesine Parmense nasce e vive sulle rive del Po. I "polecini" o "polesini" sono infatti le isolette che, durante le piene, vengono trasportate dal fiume fino a saldarsi con la riva. Anche Polesine visse diversi secoli sotto la Signoria della famiglia Pallavicino, fino al 1731, anno in cui passò sotto al Ducato dei Farnese.

Come tutte le terre di questa zona anche Polesine deve la sua fama al territorio che l'ha accolta. La sua vicinanza alle rive del fiume Po infatti le ha permesso di affermarsi come porto commerciale e fluviale e di sfruttare la risorsa delle golene per la pesca e l'agricoltura. Stretto, nel bene e nel male, il rapporto degli abitanti di questa terra con il Grande Fiume. Da sempre ne sfruttano le risorse e, grazie al carattere forte e contadino, ne "sopportano" le piene, da quelle memorabili del '700 sino a quella spaventosa, e tristemente famosa, del 1951, che ha rischiato di spazzare via l'intero abitato e di cui, ancora oggi, la gente di questa terra serba il ricordo nei propri racconti.

Appena fuori dall'abitato, ma sempre vicino al fiume, restano l'antico Palazzo dei Pallavicino e la Chiesa di San Vito e Modesto, che sorge sulla piazza principale del paese.