Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Il culatello di ZibelloIl culatello di Zibello

Ti trovi in: Home page > La spalla cruda > La Storia della spalla cruda

La Storia della spalla cruda

Spalla Cruda

La spalla cruda di Palasone è un salume tipico della bassa parmense. Viene da molti considerato il salume più antico della bassa infatti i primi riscontri storici risalgono al 1170[senza fonte].

La spalla cruda può essere prodotta in due modi: con l'osso (più antica e più pregiata) o senza osso. La spalla si ottiene dalla lavorazione delle carni di suini padani pesanti (dai 220 fino ai 250 kg).

La spalla viene salata leggermente, per un tempo non superiore ai cinque giorni, insaccata all'interno della vescica naturale del suino e legata manualmente.

Dopo una breve asciugatura di qualche giorno viene messa a stagionare in umide e buie cantine per almeno 15 mesi.

 

Spalla Cruda

La spalla cruda di Palasone è un salume tipico della bassa parmense.

 

Tratto da Wikipedia