Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Il culatello di ZibelloIl culatello di Zibello

Ti trovi in: Home page > Il territorio > Zibello

Zibello

Il nome Zibello deriva dal diminutivo "gibellus", piccola gobba del terreno. La storia del suo territorio è legata alla nobile famiglia dei Pallavicino che, a partire dal 1249 con il Marchese Pallavicino il Grande, tra i primi signori di queste terre, regnarono incontrastati per diversi secoli, fino a quando cioè, tra il XVI e il XVIII secolo, Zibello passò sotto il controllo della provincia di Parma e quindi sotto alle famiglie dei Farnese e dei Borbone.

Ai Pallavicino si deve la costruzione dei più importanti monumenti, eretti tra la seconda metà del '400 e i primi anni del '500: il Palazzo Vecchio, la Chiesa Parrocchiale dei SS. Gervaso e Protaso e l?ex Convento dei Domenicani, che ora ospita il Museo Riccardi della civiltà contadina. Un museo in cui, oltre agli attrezzi di lavoro e agli oggetti d'uso domestico delle popolazioni contadine della zona, trovano posto, nella sezione 'Segreti del Po', strumenti e reti per la pesca, imbarcazioni tipiche, che fanno rivivere, con il loro bagaglio di storia, lo spirito più antico e profondo di questa terra.

Distante circa 35 Km da Parma, Zibello si è sviluppato integrando la storica vocazione agricola con una moderna caratterizzazione artigianale e industriale, senza mai smarrire il senso di un'identità che ancora oggi vive nel prodotto a cui da il nome: il Culatello di Zibello.